Aggraffatura doppia

Alpewa produce e commercializza semilavorati per lattoneria in rame, acciaio, zinco-titanio e alluminio, offrendo alla clientela svariati articoli e servizi avanzati.

image-description

La doppia aggraffatura rappresenta la soluzione usuale per le coperture nelle opere di lattoneria. Essa può essere adottata in ogni applicazione con la tecnica di aggraffatura in copertura, è invece sconsigliato nei rivestimenti di facciata, in quanto le eventuali tensioni tra le lastre possono creare lievi deformazioni a scapito della planarità. La molteplicità di profilatrici ed aggraffatrici disponibili consentono una lavorazione razionale ed economica, con risultati di ottima qualità a livello tecnico ed estetico. Questo tipo di lavorazione può essere eseguito anche in modo tradizionale, ossia impiegando profilatrici, scantonatici e martelli nonché pinze per chiudere manualmente le aggraffature (fig. 1 a-e).

 

image-description

L'altezza minima dell'aggraffatura finita, pari a 23 mm, risulta dalla piegatura laterale delle lamiere che, mediante diverse operazioni, vengono congiunte per formare una doppia aggraffatura. Impiegando profilatrici ed aggraffatrici per la piegatura, su ogni sezione si determina una perdita di c.a. 70 mm di materiale. Nel caso dell'aggraffatura manuale, partendo da pieghe di 35 + 45 mm, questo valore può arrivare anche ad 80 mm. Per consentire la dilatazione trasversale delle sezioni, le piegature non devono essere verticali. Il gioco che si forma, pari a 3 – 5 mm, assorbe la dilatazione trasversale della lamiera dovuta a fenomeni termici.
Una volta terminata l'aggraffatura, la dimensione della sezione misura x + 3 mm (fig. 2).

 

Il ricciolo della doppia piega verticale si trova all'esterno del livello di convogliamento dell'acqua piovana sul manto di copertura, e si può definire impermeabile sui tetti con un'inclinazione minima fino a 3° (5%). La norma DIN 18339 prescrive infatti questa inclinazione minima per le coperture a nastro, in modo da garantire lo scarico dell'acqua piovana in sicurezza. Poiché la doppia aggraffatura non è impermeabile all'acqua stagnante, non è possibile scendere sotto la pendenza minima prescritta senza adottare misure supplementari, nemmeno in corrispondenza di gocciolatoi, correntizi, abbaini, converse, ecc. Se su superfici ridotte, ad esempio, nel caso di coperture a botte, è inevitabile scendere sotto l'inclinazione minima, occorre impermeabilizzare le aggraffature con nastri di guarnizioni supplementari in corrispondenza dei punti interessati.

Per non schiacciare tali fasce di guarnizioni, la chiusura a macchina richiede particolare attenzione ed una regolazione specifica della pressione. La possibilità di aumentare la sicurezza innalzando l'altezza dell'aggraffatura può presentare problemi per due motivi: da un lato il punto debole viene spostato verso l'alto solo di pochi millimetri, dall'altro questa lavorazione richiede macchine regolabili, non reperibili sul mercato. Se tali apparecchi non sono disponibili, all'aggraffatura manuale già molto impegnativa si aggiunge la precisione meccanica comparativamente più limitata di questa lavorazione, che può avere effetti negativi anche sulla tenuta dell'aggraffatura.